big6
Avere un buon sito è fondamentale per qualsiasi tipo di azienda, ancora di più per chi intende rivolgersi al web come principale mercato di riferimento. Ancora oggi, dopo più di venti anni dal lancio del primo sito web, ad opera di Tim Berners Lee, vengono commessi molti errori che rischiano di cancellare qualsiasi velleità di successo.
Noi vi proponiamo i cinque errori che un buon sito web non dovrebbe mai presentare.

  1. Il sito è vecchio e non è aggiornato. Questo è il primo motivo che allontana un potenziale visitatore dal vostro sito web. Dei contenuti datati, con informazioni ormai obsolete sono sinonimo di scarsa attenzione e professionalità. è importante per ogni sito far risaltare gli ultimi aggiornamenti, se questi risalgono al secolo scorso avete un grosso problema.
  2. Scarsa brand identity: chi siete, cosa fate, cosa volete, il vostro sito risponde a queste domande? Se puntate a una determinata quota di mercato o avete uno scopo ben preciso, siate sicuri che questo sia ben chiaro anche a chi arriva sul vostro sito. Se un utente impiegherà troppo tempo a capire cosa volete comunicare è probabile che vi abbandonerà senza ritornare mai più.
  3. Contenuto scritto male e poco chiaro. Anche il sito graficamente perfetto si infrangerebbe contro dei contenuti poco curati. Abbiate sempre cura di controllare la forma oltre che la sostanza, anche se vi sembrerà una cosa sciocca. Errori ortografici e grammaticali allontanano gli utenti dal vostro sito.
  4. Contenuto noioso che non da valore. Assicuratevi che qualsiasi cosa scriviate o pubblichiate sul vostro sito, abbia importanza per i potenziali lettori. Non vi preoccupate solo della forma o dell’aspetto grafico, puntate a essere degli opinion leader nel vostro campo.
  5. Sito di difficile navigazione. Se un utente dopo quindici secondi non riesce più a proseguire sul vostro sito, vuol dire che avete fallito. Non vi addentrate in architetture troppo complesse che rendono la vita difficile ai visitatori, semplicità spesso è sinonimo di efficienza.