streeteat-food-truck-finder-1-b-512x250

“Paese che vai usanza che trovi” soprattutto quando si parla di abitudini alimentari.
Verità ancora più evidente quest’anno grazie all’ Expo 2015, sede in cui stiamo sperimentando e conoscendo quanto accade nei diversi padiglioni e nel mondo.
Quando si parla di food, soprattutto negli ultimi tempi, esce fuori il concetto dello street food.
Fenomeno che esiste da sempre, ma che adesso sta assumendo delle connotazioni particolari.
Ora si parla addirittura di food truck, ma cos’è?
Si tratta, di veicoli su 3 o 4 ruote trasformati in botteghe enogastronomiche ambulanti o itineranti che offrono ai loro clienti cibi tipici, di qualità, a km0 e a prezzi molto contenuti.
Si tratta di un fenomeno che vuole focalizzare l’attenzione sulla qualità e le trasforma in tendenza.
Qui si inserisce StreetEat, l’applicazione che permette di geolocalizzare i veicoli.
Individuato il truck più vicino, l’app permette di consultare i menu, leggere le recensioni dei clienti e, una volta assaggiati i piatti, esprimere la propria opinione scrivendo una recensione.
StreetEat, però, non è un’app come tutte le altre, alle spalle dell’applicazione c’è di più: un progetto di consulenza per aiutare i futuri imprenditori ad entrare nel mondo del food truck.
L’app, infatti, accompagna passo dopo passo i nuovi imprenditori fornendo una serie di risposte sul food truck.
Il team, composto da 10 persone, inoltre, fornisce la possibilità di dare visibilità ai suoi clienti assistendoli nelle attività di franchising e aiutandoli nei servizi di catering.
Le aziende, attraverso StreetEat, in occasione di eventi possono scegliere il truck che peferiscono e indicare anche la tipologia di cucina desiderata.
Per ora l’applicazione gratuita offre informazioni per le città di Roma, Torino e Milano, ma dato il successo riscontrano finora e la dilagante diffusone dello street food presto amplierà i suoi confini fino a coprire tutto il territorio nazionale entro la fine del 2015.
Per il 2016 StreetEat punta a Londra, alla Spagna, alla Germania, alla Francia e alla Svizzera.