magazine marzo-03

“La musica può salvare il mondo”.
Non si tratta dello slogan, ormai vintage, dei sessantottini, ma del messaggio che la cantante nigeriana Nneka vuole diffondere, dando nuova linfa a queste parole, credendoci fino in fondo. Finora, infatti, con la forza della sua voce e la purezza dello suo sguardo, è arrivata a oltre 10 milioni di visualizzazioni su YouTube con il singolo Heartbeat.
La cantante 34enne, sempre schierata in prima linea contro le ingiustizie commesse nella sua Africa, crede, infatti, che la musica e l’arte possano cambiare il mondo e il modo di pensare soprattutto dei giovani.
Il nuovo album di Nneka, artista hip hop/soul/reggae, cerca di trasmettere forte e chiaro questo messaggio.
My Fairy Tales, infatti, è un vero e proprio viaggio di scoperta e di riflessione in cui la cantante tratta temi politici e sentimentali legati alla sua nazione d’origine, la Nigeria. Affronta questioni politiche e sociali in un modo spensierato e grazioso, quasi con leggerezza, raccontando l’amara verità. Ambasciatrice dell’AWDF, African Women’s Development Fund, e sostenitrice dell’Occupy Nigeria Movement, movimento socio politico che nacque nel gennaio del 2012 in risposta alla rimozione dei sussidi sul combustibile in Nigeria, da sempre lotta per la sua terra, sfruttando la sua notorietà per dar voce a chi, invece, è stato più sfortunato di lei. La corruzione, l’inquinamento ambientale e il terrorismo di Boko Haram è quanto Nneka ha sempre denunciato. My Fairy Tales, è un album da aspettare, sicuramente, con impazienza, che non deluderà chi ama la musica e la potenza che può avere il testo di una canzone.

Vita e carriera
Nata in Nigeria da padre nigeriano e madre tedesca ha un nome “potente”.
Nella lingua degli Igbo, popolazione che vive nella zona orientale della Nigeria, infatti, il suo nome significa “la Madre suprema, la Madre migliore”. Fino all’età di 18 anni è vissuta a Warri, in Nigeria, per poi trasferirsi a Amburgo, in Germania, dove ha intrapreso la carriera di cantante continuando, contemporaneamente, a studiare antropologia.
Nel 2005 il suo esordio con Victim of Truth, il primo di una serie di altri tre dischi.
Artista interessante che ha collaborato con diversi grandi della musica come: Massive Attack, Damian Marley e soprattutto Lenny Kravitz, riserva in ogni canzone grandi sorprese.

Album
– 2005 Victim Of Truth
– 2008 No Longer At Ease
– 2010 Concrete Jungle
– 2011 Soul Is Heavy