facebook-140903_1280

Mark Zuckerberg crede che sia fondamentale entrare nella mente degli utilizzatori del suo social.
Ritiene sia importantissimo riuscire a capire i loro desideri e le loro esigenze per costruire sempre di più un servizio cucito addosso a chi lo utilizza, per garantire un’esperienza sempre più esaustiva, completa e insostituibile.
Per questi motivi il fondatore di Facebook cerca il contatto continuo con l’utenza del social.
Cerca di cogliere tutte le idee e i suggerimenti che possono essere utili.
Sempre più spesso risponde a domande che svelano importanti retroscena sul futuro prossimo e in particolare sui progetti che ha in mente.
Questa volta Mark Zuckerberg fa parlare di sé perché ha scoperto alcune carte e non è stato affatto avaro di spiegazioni.
Stephen Hawking gli ha chiesto a quale grande domanda della scienza avrebbe desiderato dar risposta e Arianna Huffington gli ha domandato del futuro dell’editoria e Mark ha dato risposte davvero interessanti.
“Ci sono pochi ma importanti tendenze nella comunicazione umane che speriamo di migliorare. Prima – ha ricordato – abbiamo condiviso testi, ora postiamo principalmente foto. Nel futuro i video saranno molto più importanti delle foto. Dopo tutto questo verranno esperienze totalizzanti come essere immersi nella realtà virtuale e saranno la norma. Dopo avremo il potere di condividere tutta la nostra gamma di sensi ed esperienze emotive con la gente quando vorremo”.

In pratica, un giorno saremo quando penseremo a qualcosa i nostri amici potranno condividere con noi.
“Un giorno saremo in grado di scambiarci pensieri pieni e ricchi l’un l’altro direttamente usando la tecnologia. Sarete in grado di pensare a qualcosa e i vostri amici saranno in grado di vivere la stessa esperienza immediatamente, se voi lo vorrete. Questa sarà l’ultima frontiera della tecnologia”.
Telepatia?

Discutendo della tecnologia di un futuro più prossimo, invece, Zuckerberg ha parlato di Intelligenza Artificiale e dei passi in avanti fatti nel settore del machine learning.
Sembra proprio che Facebook punterà sulla Realtà virtuale.
Internet.org, Realtà virtuale e intelligenza artificiale (AI) sono ai primi posti sono i punti cardinali dell’agenda decennale di Facebook.
Mark Zuckerberg ha, infatti, messo l’accento oltre che sulle esperienze immersive nella realtà virtuale, anche sul wearable tech e dei caschi stile Oculus Rift.

Le sorprese che ci riserverà Facebook, viste le premesse, ci lasceranno a bocca aperta!