big_gennaio_

Esattamente un anno fa Menthalia Magazine aveva dedicato il cuore del numero di gennaio 2014 a Pino Daniele e agli eventi del “Napule è tutta n’ata storia” che si sono tenuti al Teatro Palapartenope di Napoli tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio.
Il caso ha voluto che proprio al grande cantautore napoletano fosse dedicato anche il numero di apertura del Magazine di Menthalia del 2015, ma per dargli l’ultimo affettuoso saluto.

I fatti: la sera del 4 gennaio 2015, Pino Daniele, già sofferente di problemi cardiaci, ha avuto un infarto ed ha lasciato un incommensurabile vuoto nel cuore dei suoi fan e di tutti i napoletani.
La sua ultima apparizione pubblica è stata, appena qualche giorno prima, sul palco dello show di Capodanno di Raiuno “L’anno che verrà”.

La reazione: la notizia della scomparsa del re del blues partenopeo ha avuto un fortissimo impatto su tutto il mondo della musica e non solo.
I social sono impazziti: post di cantanti, personaggi famosi, autorità e fan si sono riversati sulla rete, creando un passaparola impetuoso che ha informato il mondo della tragica scomparsa e, soprattutto, del dolore provato da tutti.
La morte del cantautore ha generato fortissime risposte emotive a Napoli e non solo, facendo comprendere, a quei pochi che non erano a conoscenza, che Pino Daniele era capace di arrivare al cuore di chiunque lo ascoltasse: Pino toccava le anime.
100.000 persone si sono riunite spontaneamente in Piazza del Plebiscito la sera del 6 gennaio per commemorare Pino Daniele cantando le sue canzoni: un flash mob partito da Facebook epocale.
Ma chi era Pino e come arrivava al cuore della gente?
Pino Daniele è e resterà un simbolo di Napoli, ma non solo: Pino è il protagonista di un’autentica rivoluzione musicale.
Il cantautore napoletano ha creato un nuovo modo di fare musica che con una semplicità disarmante e malinconica racconta la realtà. Con la sua voce inconfondibile, la sua chitarra e la sua ironia ha fuso la canzone napoletana, i ritmi mediterranei con il blues, il jazz, il soul e il funky incarnando, nello stesso tempo, il vero cosmopolita e il vero napoletano.
La sua ricerca continua di spunti e influenze di culture diverse rappresenta, infatti, un prezioso modello di apertura mentale e tolleranza.
Pino Daniele è stato uno di quei personaggi che con la passione è riuscito a conquistare persone di ogni età. Intere generazioni sono cresciute ascoltando le sue parole, spesso, manifesto del pensiero di tutti. Si discute oggi sulla scelta della famosissima canzone Napul’è come inno del Napoli, sul fatto che ci si sia lasciati prendere dall’onda emotiva che ha generato la tragica notizia. Aldilà di quel che si deciderà ciò che resterà sedimentato nella memoria collettiva sono i testi di molte delle canzoni di Pino Daniele che rappresentano e rappresenteranno, per sempre, Napoli ed il manifesto di emozioni vere e sincere.

Eric Clapton e Pino Daniele: fusioni magiche

Pino-and-Eric-0208

Pino Daniele era unico ed Eric Clapton lo aveva capito.
Il cantautore napoletano, infatti, fu l’unico italiano invitato dal grande musicista inglese  al Crossroads Guitar Festival nel 2010.
In quell’occasione i due artisti furono accompagnati da una band internazionale: dal batterista Steve Gadd, dal bassista Willie Weeks, dai pianisti Christopher Stainton e Gianluca Podio, dal sassofonista Mel Collins; interpretarono brani come Boogie Boogie Man e Napul’è, ma non solo: fu qualcosa di irripetibile.
Solo un altro concerto fece toccare il cielo con un dito tutti i fan che ebbero la fortuna di vederlo: era il 24 giugno del 2011, data storica, in cui i due musicisti salirono insieme sul palco nello Stadio di Cava de’ Tirreni.Uno stadio gremito (sedicimila persone), entusiasta: un live indimenticabile con intento benefico: la serata, Concert For Open Onlus –  In Aid Of Children, era finalizzata, infatti, alla raccolta di fondi in favore del centro di Oncologia Pediatrica dell’Ospedale Pausilipon di Napoli.
In quelle due occasioni nacque qualcosa di magico: una fusione di stili, un incontro tra due anime d’artista che in entrambi lasciò il segno.
L’improvvisa morte di Pino Daniele che ha sconvolto tutto il mondo della musica, addetti ai lavori e semplici appassionati, non poteva che colpire Eric Clapton, che appresa la notizia, ha scritto una canzone per Pino. L’omaggio di Eric Clapton a Pino Daniele passa da Facebook: il cantante ha postato sul suo profilo una foto che lo ritrae insieme al cantautore napoletano con lo stato “For Pino” e a un brano strumentale (Chitarra e voce accennata) dal titolo “Pino 5”.

Una carriera ricca di successi

dischi pino daniele

Album in Studio

1977 – Terra mia1979 – Pino Daniele

1980 – Nero a metà

1981 – Vai mò

1982 – Bella ‘mbriana

1984 – Musicante

1985 – Ferryboat

1987 – Bonne soirée

1988 – Schizzechea with Love

1989 – Mascalzone latino

1991 – Un uomo in blues

1991 – Sotto ‘o sole

1993 – Che Dio ti benedica

1995 – Non calpestare i fiori nel deserto

1997 – Dimmi cosa succede sulla terra

1999 – Come un gelato all’equatore

2001 – Medina

2004 – Passi d’autore

2005 – Iguana cafè – Latin blues e melodie

2007 – Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui

2009 – Electric Jam

2010 – Boogie Boogie Man

2012 – La grande madre

Colonne Sonore

1978 – La mazzetta, regia di Sergio Corbucci1981 – Ricomincio da tre, regia di Massimo Troisi

1983 – Mi manda Picone, regia di Nanni Loy

1985 – Blues metropolitano, regia di Salvatore Piscicelli

1987 – Le vie del Signore sono finite, regia di Massimo Troisi

1988 – Se lo scopre Gargiulo, regia di Elio Porta

1991 – Pensavo fosse amore… invece era un calesse, regia di Massimo Troisi

1999 – Amore a prima vista, regia di Vincenzo Salemme

2003 – Opopomoz, regia di Enzo D’Alò

2003 – Fame chimica, regia di Antonio Bocola e Paolo Vari

2006 – Maradona – La mano de Dios, regia di Marco Risi

2008 – La seconda volta non si scorda mai, regia di Alessandro Siani

2009 – Negli occhi, regia di Daniele Anzellotti & Francesco Del Grosso, co-prodotto da Giovanna Mezzogiorno

2010 – Passione, regia di John Turturro

Album Live

1984 – Sció live 1994 – E sona mo’

2002 – Concerto Medina Tour 2001

2003 – In tour (con Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia e Ron)

2006 – Pino Daniele Live @ RTSI

2013 – Tutta n’ata storia – Vai mo’ – Live in Napoli